PRIMA L’ITALIA ADERISCE ALLE CELEBRAZIONI PER IL CENTENARIO DEL 24 MAGGIO 1915

L’associazione Prima l’Italia aderisce alla mobilitazione nazionale promossa dalla Fondazione Alleanza Nazionale e dal “Comitato 24 Maggio – Giuramento sul Piave” per celebrare, nel centenario del 1915, gli italiani che si sacrificarono sul Piave per difendere l’unità e la libertà della Nazione durante la prima guerra mondiale. image

Parteciperemo insieme a Fdi-An, alla Fondazione An e al comitato promotore alle celebrazioni promosse nei prati della grande guerra di Breda di Piave per riaffermare i valori di unità, identità e libertà della nostra Patria, ricordando quei soldati che con il loro sacrificio segnarono il compimento del percorso di definitiva affermazione del sentimento nazionale. Abbiamo bisogno di queste radici per difendere la nostra sovranità nazionale in Europa e nel mondo e per uscire dalla crisi economica e dal declino della nostra Patria.

Lo dichiara in una nota ISABELLA RAUTI, portavoce di PRIMA L’ITALIA.

A ROMA SERVE UN ALBO DEI LUOGHI DI CULTO ISLAMICI

Questa mattina l’On. Gianni Alemanno ha presentato in Assemblea Capitolina come primo firmatario una Proposta di Delibera di iniziativa consiliare intitolata “Istituzione di un Albo obbligatorio delle Associazioni o Organizzazioni religiose che non hanno sottoscritto Intese con lo Stato Italiano, che svolgono attività di culto nel territorio di Roma Capitale”.
La proposta di regolamentazione dei luoghi di culto, pur essendo estesa a tutte le organizzazioni religiose, prende spunto dalla situazione dei luoghi di culto islamici, in base ad una mappatura raccolta dal movimento Prima l’Italia che, a fronte di circa 100 sedi religiose islamiche stimate da ricostruzioni giornalistiche, ha rilevato nella Capitale solo la presenza di 46 luoghi in cui l’attività religiosa è in qualche modo manifesta.
Luoghi di culto islamici a Roma - jpeg
Lo studio condotto da Gloria Pasquali e Giorgio Ciardi, del direttivo romano di Prima l’Italia, dimostra come la maggior parte dei luoghi di culto islamici sia localizzata in siti irregolari, la cui attività sfugge a qualsiasi controllo delle autorità preposte.

VENERDI’ 22 MAGGIO CONFERENZA STAMPA SU MAPPATURA MOSCHEE A ROMA E PROPOSTA DI REGOLAMENTAZIONE
Venerdì 22 Maggio alle ore 15 presso la sala stampa dei Gruppi Consiliari in Via delle Vergini, 18 (III Piano) l’on. GIANNI ALEMANNO, GIORGIO CIARDI E GLORIA PASQUALI del direttivo romano di Prima l’Italia, presenteranno in conferenza stampa una mappatura dei luoghi di culto islamici e una proposta di regolamentazione delle sedi delle organizzazioni religiose presenti a Roma che non hanno sottoscritto accordi con lo Stato italiano.
AMMINISTRATIVE 2015

ALLE AMMINISTRATIVE 2015

DOMENICA 31 MAGGIO

SCEGLI

fratelli_d_italia

CLICCA SULLA TUA REGIONE PER VEDERE COME E DOVE SI VOTA DOMENICA 31 MAGGIO

REGIONE VENETO

REGIONE PUGLIA

REGIONE CAMPANIA

REGIONE TOSCANA

REGIONE UMBRIA

REGIONE MARCHE

REGIONE LIGURIA

Per ulteriori informazioni inviare una mail a: segreteria.primalitalia@gmail.com

PONTE MAMMOLO: SOLIDARIETA’ AD AGENTE FERITA, ORA CAMBIARE POLITICHE ACCOGLIENZA PER FERMARE VIOLENZA ROM ED IMMIGRATI A ROMA

Esprimiamo piena solidarietà all’agente della Polizia Locale di Roma Capitale, ferita durante le operazioni di sgombero in via delle Messi d’Oro a Ponte Mammolo. L’insediamento abusivo sgombrato stamattina, nel quale erano presenti oltre 200 persone tra rom, bengalesi e nord africani, è la fotografia simbolo della gestione dell’accoglienza a Roma durante l’era Marino: un fallimento.

ponte mammolo

Nella Capitale sono sempre più numerosi gli insediamenti abusivi, un dato presumibilmente alimentato anche dal numero di immigrati che Roma è costretta ad accogliere a seguito delle operazioni Mare Nostrum prima e Triton poi. Ci preoccupa non poco, inoltre, l’aggressività e la violenza con cui gli occupanti hanno reagito all’azione di ripristino di legalità ingaggiando contro le Forze dell’Ordine veri e propri tafferugli che hanno portato addirittura al ferimento di un agente.

Probabilmente le politiche di accoglienza ed inclusione sociale, intraprese dalla Giunta Marino, rendono poco chiaro a questi individui quali siano le regole del vivere civile, le leggi e le istituzioni da rispettare, è ora di cambiare passo perché sia chiaro a tutti che l’illegalità non è un diritto.

Lo dichiarano in una nota Gloria PASQUALI e Giorgio CIARDI del Coordinamento romano del Movimento Prima l’Italia – FDIAN.

Archivio news